Rapporto di osservazione: eclissi solare parziale del 6 gennaio

Una profonda eclissi solare parziale è stata osservata da molti nelle prime ore del mattino freddo del 6 gennaio nel nord-est asiatico e nel nord del Pacifico.

Il Solar Flare Telescope si trova nel Campus Mitaka fuori Tokyo. Di fronte, da destra a sinistra, ci sono Tomoya Iju, Eijiro Hiei, Rob Lucas, Jay Pasachoff, Yoichiro Hanaoka, Kentaro Yaji, Satoshi Morita.
Jay Pasachoff

Un'eclissi parziale, come suggerisce il nome, è quando il disco della Luna non copre interamente il disco solare, facendolo sembrare come se al Sole fosse stato tolto un morso. Un'eclissi parziale profonda è quando il morso è grande, quasi copre il disco solare e trasforma il Sole in una mezzaluna abbagliante. Le eclissi solari parziali sono leggermente più comuni delle eclissi totali (e anulari) poiché la Luna e il Sole non devono essere perfettamente allineati.

Come presidente del gruppo di lavoro sulle eclissi dell'Unione internazionale astronomica, Jay Pasachoff organizza eventi di sensibilizzazione per eclissi solari e astronomia solare ovunque vada. Per l'eclissi del 6 gennaio, ha viaggiato a Tokyo dove ha visitato l'Osservatorio Nazionale Astronomico del Giappone (NAOJ). Jay fu ospitato dagli astronomi solari Yoichiro Hanaoka ed Eijiro Hiei al Mitaka Campus della NAOJ, e lui e altri osservatori furono testimoni dell'eclissi dal terreno del telescopio a brillamento solare. La Telescope Dome, la più antica struttura di osservazione del campus, viene utilizzata per il pubblico, in particolare per le osservazioni solari, e quindi dopo l'eclissi massima Jay e i suoi ospiti si unirono a folle di visitatori, compresi i bambini, per vedere un'immagine proiettata dell'eclissi attraverso il Rifrattore da 20 cm di Telescope Dome.

Il pubblico gode della vista dell'eclissi.
Jay Pasachoff

Altrove, Xavier Jubier si recò nel distretto di Oymyakonsky, a circa mille chilometri ad est di Yakutsk tra le montagne. La valle di Oymyakon è conosciuta come il "Polo del freddo" per le sue temperature notoriamente basse - compete per questo onore con un'altra città di Yakutia, Verkhoyansk. Quando Xavier e suo padre lo visitarono, scelsero una collina con una visuale libera dell'orizzonte che dominava Tomtor, dove la temperatura era di circa -55 ° C (-67 ° F). Xavier ipotizza che potrebbero essere i soli ad aver assistito a un'eclissi in condizioni così estreme, almeno al di fuori dell'Antartide e, cosa più importante, senza un riparo riscaldato nelle vicinanze. Continua a descriverlo come brutale, stare all'aperto per tre ore e dover prendere ulteriori precauzioni per quanto riguarda le attrezzature che possono diventare fragili a quelle temperature. Nonostante le condizioni, Xavier ha riportato il completo successo con un'oscuramento del 60%!

Questa foto è stata scattata sulla base del Solar Flare Telescope di NAOJ con un obiettivo Nikon da 400 mm su una fotocamera Nikon D600 con un filtro solare Questar. Il primo contatto è stato alle 8:43 e l'ultimo contatto alle 11:36 ora locale (ora solare del Giappone). L'eclissi massima si è verificata alle 10:06 ora locale con un'oscuramento del 30%.
Jay Pasachoff

La temperatura registrata di Jay Pasachoff di 6 ° C (43 ° F) sembra positivamente mite in confronto. A Tokyo, avevano nuvole per la prima mezz'ora dell'eclissi, condizioni chiarite per mezz'ora e quaranta minuti, e poi si rannuvolò di nuovo, con una certa visibilità attraverso le nuvole e foschia per l'ultima mezz'ora.

Tra gli altri osservatori che hanno assistito all'eclissi c'era Paul Maley che ha riportato il successo dopo i primi 30 minuti da un parco a 6 miglia da Inchon, in Corea del Sud; Jörg Schoppmeyer che vide l'intera eclissi da Harbin, in Cina; e Daniel Fischer che, monitorando i feed mentre si trovava in Germania, riferiva immagini provenienti da Russia, Cina (Pechino) e Giappone. Se hai visto l'eclissi, ci piacerebbe sentirti nei commenti qui sotto.

Quando sarà la prossima eclissi? È un'eclissi lunare o un'eclissi solare? Dovrai viaggiare per vederlo? Trova tutto ciò che devi sapere proprio qui.

Ricorda: il sole è luminoso, molto luminoso. Non guardare mai direttamente il Sole - nemmeno durante un'eclissi parziale - perché danneggi gli occhi, possibilmente in modo permanente. Per visualizzare un'eclissi solare parziale, utilizzare gli occhiali per eclissi o proiettare l'immagine su un pezzo di carta usando un foro stenopeico o una coppia di binocoli o persino un telescopio. Meglio ancora, agganciati al tuo club di astronomia locale: potrebbero avere un telescopio solare dotato dei filtri appropriati.